Startup Archives - LA&P

WIPO DAY: l’ecosostenibilità è il tema per il 2020

WIPO DAY - ecosostenibilità

Ogni anno il 26 Aprile si celebra la Giornata Mondiale Della Proprietà Industriale e, come ogni anno, l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (WIPO) propone un tema che accomuni la società moderna e la tutela dell’innovazione e della creatività (si veda il tema del 2019).

Il tema scelto per il 2020 (“Innovate for a Green Future”) riguarda l’apporto che offre la proprietà intellettuale per favorire lo sviluppo della ecosostenibilità ed ecologia su tutti i livelli produttivi di beni e servizi.

Indubbiamente problematiche come inquinamento, consumo incontrollato di risorse, mancato riutilizzo di rifiuti, etc. sono estremamente attuali. Gli interventi ad oggi compiuti nell’ottica della ecosostenibilità e dell’innovazione stanno producendo effetti positivi. Basti pensare che, secondo l’Eurostat, le emissioni di gas serra nell’UE si sono ridotte del 22% nel periodo 1990-2017. Tuttavia, c’è ancora molto da fare: il carbon footprint dell’UE nello stesso anno consisteva in 7.2 tonnellate di CO2 (1.7 tonnellate per persona).

Tematiche come ecosostenibilità, riciclaggio, economia circolare e riduzione dei consumi ha stimolato sempre più l’interesse e l’impegno degli innovatori. Di seguito riportiamo alcuni esempi.


L’ECOSOSTENIBILITÀ E IL FILTRAGGIO DELL’ARIA

L’olandese Studio Roosegaarde ha progettato una torre purificatrice dell’aria da installare nelle città come parte del progetto Smog Free Project.

La torre utilizza una innovativa tecnologia brevettata consistente nella ionizzazione positiva arrivando a filtrare 30.000 m3 di aria all’ora. I residui filtrati e raccolti vengono poi compressi e incastonati in piccoli gioielli.

Qualora si fosse interessati all’uso più efficiente dei materiali inquinanti raccolti, AIR-INK può rappresentare una soluzione. Il team di AIR-INK, basandosi sulla tecnologia brevettata KAALINK, ha sviluppato un processo per rimuovere le tossine dai residui filtrati dall’aria circostante (i.e. materiali pesanti) al fine di processare il carbone grezzo in un inchiostro nero di alta qualità distribuito poi in forma di ricarica per penne.

GREEN FASHION: L’ELEGANZA ECOSOSTENIBILE

Spostando l’attenzione al settore fashion, si è oramai affermato il sentimento comune che “green is the new black” come dimostrato dalle molteplici iniziative e pratiche di produzione, design, creazione di articoli e intere collezioni ecosostenibili (dai tessuti realizzati con il nylon Aquafil alle foglie di ananas di Piñatex). Tra questi si distingue il processo sostenibile di tintura per materiali COLORFIX.

La compagnia inglese ha sviluppato un sistema di estrazione del DNA dagli organismi naturali per ricrearne i pigmenti e applicarli ai tessuti. In questo modo viene usata una quantità inferiore di sostanze chimiche e acqua per la tintura dei tessuti. Inoltre, l’estrazione del DNA comporta anche l’estrazione di sali che vengono impiegati nel processo di fissazione del colore al tessuto.

Non stupisce che COLORFIX sia stato scelto dalla brand leader nel fashion sostenibile Stella McCartney per lo sviluppo di una delle proprie collezioni.

HOME GREEN HOME: VIVERE ECOSOSTENIBILE

In ambito di design e realizzazione di abitazioni ecosostenibili si sono affermate diverse pratiche green. L’utilizzo di prefabbricati, l’impiego di materiali riciclati ne sono un esempio. La c.d. cargotecture sfrutta i residuati di container cargo per la realizzazione di abitazioni grazie alla leggerezza e alla resistenza dell’alluminio.

Inoltre, sono state istituite organizzazioni per il controllo e il rilascio di marchi di certificazione per attestare l’ecosostenibilità degli immobili. Ne è un esempio US Green Building Council.

ALLA VOLTA DELL’ECOSOSTENIBILITÀ MONDIALE: IL PROGETTO “WIPO GREEN”

Oltre alle suddette invenzioni, pratiche e innovazioni si ricorda che nel 2013 WIPO ha dato vita al programma WIPO GREEN.

WIPO GREEN consiste in una banca dati che raccoglie svariati ritrovati tecnologici green al fine di mettere in contatto gli innovatori nel campo delle tecnologie sostenibili e coloro che ricercano tali soluzioni come entità pubbliche o private per sostenere lo sviluppo e l’impiego di tali tecnologie.

Questa piattaforma, con quasi 1.500 utenti da 63 Paesi, da anni svolge una funzione di catalizzazione e supporto per lo sviluppo delle tecnologie a salvaguardia dell’ambiente.

IL NOSTRO IMPEGNO ECOSOSTENIBILE

Il team di LA&P e StartUp Legal, collaborando principalmente con start-ups, ha avuto modo di conoscere e aiutare nello sviluppo diversi progetti nell’ambito della ecosostenibilità.

Tra i vari progetti in essere supportiamo

Tutto ciò dimostra che l’impegno nella realizzazione di strumenti per l’utilizzo sostenibile del nostro pianeta coinvolge tutti i settori economici.

Come emerge dall’esperienza LA&P, i servizi di tutela offerti nell’ambito delle attività green non consistono nel semplice vantaggio del singolo. Il beneficio sarà per tutta la società che avrà la possibilità di vivere in un mondo migliore.

Read more

Nome a dominio: tutela e rapporto con il marchio

nomi a dominio

Cos’è un nome a dominio?

Ogni sito web è identificato da un codice numerico IP (Internet Protocol). Tuttavia, per facilitare l’individuazione dei siti internet, tali codici sono sostituiti da corrispondenti sequenze alfanumeriche identificate dal Domain Name System. I nomi a dominio, come i marchi, necessitano di registrazione per essere tutelati e non ne possono esistere due uguali.

Un nome a dominio è composto da tre parti:

  • la parte più a destra del dominio solitamente fornisce indicazioni circa l’area territoriale del sito (per esempio, .it; .eu., .fr; .si; etc.), oppure il tipo di attività svolta dal proprietario del sito (per esempio, .org; .com; .info; .coop);
  • la parte centrale del dominio indica il nome con cui gli utenti individuano il proprietario o l’oggetto del sito;
  • la terza ed ultima parte del dominio consiste nella sequenza delle lettere www. (World Wide Web).

La parte centrale del nome a dominio costituisce l’aspetto maggiormente rilevante poiché permette all’indirizzo IP di essere riconoscibile e memorizzabile. Per esempio, questo sito è identificato con il dominio “www.studiolap.it” dove sono chiaramente visibili le tre parti che compongono il nome a dominio, terminando con il cosiddetto Country Code Top Level Domain (LTD) “.it” che indica il territorio italiano.

La tutela del nome a dominio

Così come avviene per i marchi, per tutelare un nome a dominio questo deve essere registrato. Moltissimi siti offrono il servizio di registrazione di un nome a dominio, fermo restando che questo rispetti alcuni criteri.

Un marchio può consistere in un nome a dominio e quest’ultimo può essere costituito da un marchio. Entrambi sottostanno alla regola vigente nell’Unione Europea di “first come, first served”. Secondo questo principio il primo soggetto che procede alla registrazione acquisisce tutela per il proprio segno. Tuttavia, è necessario precisare che il marchio e il nome a dominio seguono due processi di registrazione differenti.

Se vuoi sapere di più sulla tutela del marchio online puoi leggere il nostro articolo in proposito cliccando qui.

Il nome a dominio e il marchio

Il codice della proprietà intellettuale (D. Lgs. 30/2005 – CPI) agli articoli 12 c.1 b) e 22 stabilisce il divieto di registrare come marchio, o di utilizzare come segno distintivo, un nome a dominio (registrato da terzi) in aree commerciali simili o uguali, tale da ingenerare confusione nei consumatori.

Pertanto, il nome a dominio gode di una tutela equiparata al marchio nelle fasi di registrazione e utilizzazione. Concordemente, il titolare di un dominio registrato ha diritto di chiedere la revoca della registrazione di un successivo nome a dominio o marchio che crei tale confusione (Art. 118 c.6 CPI). Anche coloro che sono titolari di un marchio registrato possono agire contro la registrazione fraudolente di nomi a dominio.

La tutela della concorrenza

Anche il codice civile, all’articolo 2598, tutela i titolari di segni distintivi, inclusi i nomi a dominio, contro attività di concorrenza sleale di natura confusoria, quali:

  • Domain grabbing: registrazione di nome a dominio uguale o simile. Si tenga presente che la mera variazione del Top Level Domain (.it; .eu; .com; .org; .net; etc.) non è considerata una variazione sufficiente ad impedire la creazione di confusione tra i domini;
  • Typosquatting: registrazione come dominio di un marchio noto contente (di proposito) un refuso o un errore di battitura;
  • Linking: collegamento ipertestuale posto da un soggetto che permette al consumatore di passare da un sito ad un altro (quello del marchio notorio);
  • Surface linking: collegamento ipertestuale che permette di passare da un sito alla home page di un altro sito (del marchio notorio);
  • Deep linking: collegamento che rimanda da un sito ad una pagina interna di un sito altrui.
  • Framing: collegamento che permette di collegare il primo sito ad un sito altrui ma di visualizzare la pagina del secondo sito (il frame) all’interno della pagina del primo sito.

L’e-commerce richiede l’affermazione del business principalmente nel mercato digitale, imponendo come passo obbligatorio la registrazione e la tutela del proprio nome a dominio. Pertanto il dominio, come il marchio, costituisce un elemento fondamentale dell’asset di proprietà intellettuale di una impresa.

Read more

Come proteggere il brand online: consigli pratici

tutela del brand

Tutela e valore del brand

Abbiamo già parlato del valore del brand. Ma in che modo esso è influenzato dalla tutela del marchio online? Il valore del marchio e, quindi, del brand che si è creato, non consiste nella sola innovazione tecnologica, diffusione sul mercato, operazioni di marketing e riconoscibilità da parte dei consumatori.

Questi sono tutti fattori complementari ed essenziali. Tuttavia, l’aspetto da tenere presente per impedire che la propria attività perda valore, consiste in quanto segue:

  • il controllo sull’utilizzo del proprio marchio;
  • l’attiva tutela del marchio contro eventuali usi illeciti o non autorizzati da parte di terzi.  

I dati Eurostat riguardanti il mercato online (e-commerce) nel 2019 indicano che:

  • l’80% degli individui di età compresa tra 16 e 74 anni utilizza internet
  • 63% di questi acquista beni o servizi di uso personale online.

L’aumento di utenti che acquistano online rispetto al 2009 è del 17%. Tale sviluppo degli acquisti e-commerce ha determinato la necessità per gli imprenditori di trasformare i propri canali di distribuzione trasferendosi anche e soprattutto nel mercato digitale. Pertanto, così come risulta necessario tutela del brand dagli usi illegittimi sul mercato fisico, ancora più vitale, e al contempo complesso, risulta la tutela del marchio online.

Gli usi lesivi del marchio si possono differenziare in:

  • pratiche illegittime in senso stretto (es. contraffazione);
  • tutti gli altri usi online del marchio lesivi del brand.

Contraffazione

Le merci contraffate costituiscono il 3.3% del commercio internazionale con un incremento del 2.5% dal 2013 causato dalla sempre maggiore facilità e immediatezza degli scambi online. Ciò comporta la necessità di un controllo efficace circa l’impiego del proprio marchio online (es. nei marketplace o negli e-commerce).

Il danno derivante dalla vendita dei prodotti contraffatti non consiste solo nelle mancate vendite che vengono sostituite da questi prodotti. Ciò che maggiormente preoccupa gli imprenditori è costituito dal danno di immagine arrecato al business, e al marchio stesso. Da ciò deriva una riduzione di fiducia dei consumatori nel marchio risultando in una ulteriore futura diminuzione delle vendite.

Un altro fattore da tenere presente riguarda la vendita online di prodotti che:

  • siano simili ai prodotti identificato dal proprio marchio; oppure
  • riproducono elementi caratteristici del marchio essendo, quindi, confondibili con il prodotto originale. 

Pratiche scorrette

Oltre alla contraffazione, vi sono ulteriori usi illegittimi del marchio che avvengono online e di cui è necessario essere consapevoli.

Essi consistono in tutti quegli usi effettuati senza consenso volti a sviare i consumatori o a trarre indebito vantaggio dal brand originale. Un esempio è dato dall’utilizzo o registrazione di nomi a dominio uguali o simili al marchio o ad altri elementi distintivi dell’impresa utilizzati per reindirizzare gli utenti su altre piattaforme di vendita di concorrenti. Queste pratiche scorrete e lesive del marchio possono consistere, per esempio, in cybersquatting, typosquatting, domain grabbing, etc.

Per ulteriori info su queste pratiche leggi il nostro precedente approfondimento sui nomi a dominio cliccando qui.

Il brand sui social media

In aggiunta, è necessario effettuare un controllo sui social media. Oltre la metà delle persone di età compresa tra 16 e 74 anni usa Internet per utilizzare piattaforme social (es. Facebook, Twitter, Instagram o Snapchat). AI fini delle tutela del brand sui social è importnate:

  • aver assicurato la presenza del marchio online sui vari social;
  • controllare le menzioni che vengono fatte del proprio marchio online da terzi sulle piattaforme social.

Si deve tenere presente che il marchio può essere menzionato in diversi modi (es. commenti, hashtag, reindirizzi, etc.) e tramite gli account più disparati. Similmente, il marchio online può essere utilizzato inconsapevolmente da parte di altri competitor.

Se vuoi sapere di più sul valore del brand, leggi il nostro articolo su questo tema.

Tutela il marchio online aumenta il valore del brand

Con riguardo a tutte e attività online scorrette e/o illegittime quindi si può concludere che

  • determinano una riduzione delle vendite
  • rendono più difficoltosa l’esperienza complessiva di acquisto online da parte del cliente.

Gli acquisti online sono caratterizzati dalla rapidità, immediatezza e impulsività. Il semplice fatto che il sito web del brand, il marketpace oppure i prodotti siano difficilmente individuabili, comporta un sicuro reindirizzamento dei consumatori sulle piattaforme dei concorrenti che permettono un’esperienza di acquisto più rapida e agevole.

La tutela del proprio brand online non consiste in un semplice concetto astratto o in una moda temporanea. Essa rappresenta un elemento essenziale per il business per evitare che il marchio perda la sua forza commerciale. La tutela del brand non è solo per i grandi marchi e per imprese già affermate ma è importante in ogni fase della vita di un’impresa: dall’inizio fino alla sua affermazione sul mercato.

Adottare le misure e gli accorgimenti qui descritti comporterà effetti positivi sia nell’immediatezza sia nel futuro.

Read more

Registrazione di hashtag come marchio

hashtag come marchio registrato

Vista l’importanza sempre maggiore dell’hashtag nel marketing e nella pubblicità, la registrazione di un hashtag come marchio può rafforzare il messaggio comunicato e fare ottenere una tutela maggiore da parte delle piattaforme in cui il #MarchioRegistrato viene utilizzato.

Read more
Calendar
Settembre: 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
Social